Storie di diavoli, di streghe e di stregoni

Passeggiata al calar delle tenebre alla scoperta del lato oscuro e misterioso di Firenze

Storie di diavoli, di streghe e di stregoni

In evidenza

Diavoli, streghe e stregoni popolano le strade e i palazzi di Firenze. Racconteremo di storie e personaggi fantastici protagonisti di racconti di paura della tradizione o creati dalla penna di grandi uomini di cultura.

  • Una storia di Firenze insolita e curiosa
  • I palazzi, i luoghi e le statue che evocano il lato magico della città
  • I racconti della tradizione popolare e della letteratura
  • Le leggende e i misteri del passato e i loro protagonisti
  • Le credenze e le superstizioni della Firenze del Rinascimento

Maggiori informazioni

Firenze, culla del Rinascimento, nasconde un passato oscuro e inquietante, oggi spesso dimenticato, ma che ancora vive nelle leggende, racconti e tradizioni che ci sono stati tramandati nel corso dei secoli.

Il nostro percorso si apre con un racconto popolare che ha come protagonista Buonaccorso, capofamiglia di una nota famiglia di mercanti del Quattrocento, che incautamente promette al diavolo l’anima della figlia appena nata in cambio di sconfinate ricchezze. Un patto scellerato, la cui tragica risoluzione avverrà solo dopo fughe rocambolesche, arditi inseguimenti, improbabili travestimenti e insperati aiuti.

Proseguiremo poi il nostro itinerario per chiassi e strade del centro storico che, nella toponomastica, ancora portano il ricordo di un passato “infernale”, per poi scoprire una Firenze epicentro di una grande tradizione stregonesca, ricca di rituali e credenze magiche che affondano le loro radici in tempi antichi.

Ci affideremo al racconto della grande storia per scoprire che forse il giovane conte Dracula si recò in visita a Firenze in occasione del Concilio del 1439 e che maghi, negromanti e guaritori si misero al servizio della famiglia Medici, approntando pozioni prodigiose e praticando la terapia incantatoria.

Ricorderemo segni prodigiosi ed oggetti fatati che appartennero al grande Lorenzo il Magnifico e le tante storie di diavoli protagonisti di leggende e racconti fiorentini. A partire dal noto episodio di San Pietro Martire che, intento a predicare alla folle in una piazza cittadina, si trovò a fronteggiare il demonio che aveva assunto le sembianze di un apocalittico cavallo nero.

E ancora storie di diavoli privi di qualsiasi connotazione di paura ma incarnazioni di credenze e superstizioni medievali, protagonisti di scherzi ai danni di uomini ingenui, desiderosi solo di ottenere facili guadagni e di abbandonarsi ad una vita di piaceri, festeggiando con vino, banchetti e belle donne.

Diavoli, streghe e stregoni come specchio di una società che si interroga sui propri vizi e virtù, sulle leggi ed i costumi adottati, per giungere talvolta all’inaspettata conclusione che questi esseri dannati, a dispetto della loro astuzia e degli oscuri saperi che padroneggiano, preferiscono tornare “in inferno a stare nel fuoco che vivere nel mondo”.

Date disponibili

    Dettagli

    • Luogo di incontro: piazza dei Rucellai – Firenze
    • Durata della visita: 1 ora e mezzo circa
    • Target: adulti
    • Costo della visita guidata: € 12,00 incluso il sistema radio auricolare qualora previsto

    Prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti disponibili.
    Tutte le visite saranno condotte da storici dell’arte e architetti abilitati all’esercizio della professione di guida turistica.
    Le visite saranno attivate solo ove si raggiunga un numero minimo di 10 partecipanti.
    Date, orari e costi di ingresso delle visite, strettamente riservate ai nostri soci, potranno subire variazioni in ragione di eventi straordinari non dipendenti dall’associazione (modulo di iscrizione all’associazione).

    Ci incontriamo qui

      Prenota questo evento a Firenze

      Nome e cognome

      Telefono

      Email

      Data evento

      Numero partecipanti

      Note (specificare la presenza di minori e indicare la loro età):

       

      ATTENZIONE!
      Per registrare la prenotazione è necessario spunatre la casella di accettazione del trattamento dei dati personali