Escher in mostra al Museo degli Innocenti

Le architetture impossibili e le opere enigmatiche del famoso incisore olandese riunite a Firenze

mostra escher museo innocenti

In evidenza

Il ricco mondo immaginario di Maurits Cornelius Escher in una mostra antologica che riunisce oltre 200 opere, perfetta fusione tra arte, scienza e matematica.

  • Capolavori della modernità in una splendida cornice rinascimentale
  • Il legame con l’art nouveau, il futurismo e le correnti di primo Novecento
  • L’ispirazione tratta dal paesaggio e dai monumenti italiani
  • Le prospettive e i mondi impossibili
  • L’influenza sulla cultura popolare, dal cinema alla musica

Maggiori informazioni

Per la prima volta gli spazi monumentali del Museo degli Innocenti ospitano una grande esposizione temporanea, una mostra dedicata a Escher, maestro grafico e incisore che con le sue opere ha affascinato il vasto pubblico e ha catturato l’interesse di scienziati e matematici. Nella suggestiva cornice dell’Ospedale progettato da Filippo Brunelleschi, primo luogo d’accoglienza per l’infanzia abbandonata, sono esposte xilografie e litografie che sembrano sfidare la razionalità dell’osservatore. Opere “conflittuali”, in cui prendono vita spazi e mondi definiti da prospettive del paradosso e che tridimensionalmente non possono esistere.

Nelle prime sale si potranno apprezzare le incisioni forse meno note di Escher, in cui è evidente il rapporto con le maggiori correnti artistiche del primo Novecento ed emerge l’importanza degli anni passati in Italia, sua patria d’elezione dal 1922 al 1935. Ad influenzarlo fu soprattutto il paesaggio della penisola, così diverso dalle piatte distese olandesi in cui era cresciuto: le dolci colline, gli strapiombi sul mare, i borghi isolati ma anche i grandi monumenti del passato, furono per lui fonte di grande ispirazione. Un periodo fertile quello italiano, sia per la vita professionale che per quella privata: a Siena venne organizzata la sua prima mostra personale, e a Ravello conobbe Giulietta Umiker, figlia di un industriale svizzero, destinata a divenire sua moglie.

La seconda sezione della mostra condurrà alla scoperta dei suoi più noti capolavori, realizzati dopo aver abbandonato definitivamente l’Italia, un addio dettato da motivi politici, non potendo più sopportare il fanatismo del regime fascista. Nel 1936, a pochi mesi di distanza dal suo trasferimento in Svizzera, compì un viaggio in Spagna, e a Granada subè il fascino del palazzo reale dell’Alhambra. La raffinatezza e l’esuberanza delle ricche decorazioni in maiolica, sono alla base della sua produzione successiva, dominata dalla tassellazione, ossia la divisione regolare del piano, in cui le forme geometriche si ripetono fino a coprire l’intera superficie, senza però mai sovrapporsi. Una tecnica che si ritrova nelle metamorfosi, in cui forme astratte e indefinite, si trasformano in solidi e figure geometriche, quindi in animali o altre creature, per poi ridursi, nuovamente, nelle forme iniziali.

Proseguendo lungo il percorso si rimarrà meravigliati di fronte alle opere che esplorano i limiti dello spazio, i concetti di infinito e di ciclicità e che danno vita ai famosi mondi impossibili di Escher, che mettono in dubbio le nostre certezze perché sembrano annullare i concetti di sopra e sotto, davanti e dietro, vicino e lontano, concavo e convesso. Una ricerca personalissima quella dell’artista, in cui dà libero sfogo alla sua fantasia e creatività, ma in cui non è difficile ritrovare riferimenti ai grandi maestri del Rinascimento, all’illusionismo barocco e alle architetture fantastiche che Giovan Battista Piranesi disegnò nel Settecento.

L’aspetto misterioso, enigmatico e quasi “ipnotico” di queste opere esercitò fin da subito un grande fascino tra i contemporanei, tanto che si trovano numerose citazioni delle opere di Escher anche nella cultura popolare, dai fumetti alla pubblicità, dalle copertine dei dischi rock alle pellicole cinematografiche.

Date disponibili

  • domenica 29 gennaio 2023, ore 16.00 ∷ In loco
  • sabato 11 febbraio 2023, ore 10.30 ∷ In loco

Dettagli

  • Durata della visita: 1 ora e mezzo circa
  • Ritrovo: 15 minuti prima, davanti all’ingresso del Museo degli Innocenti (piazza della Santissima Annunziata, 13)
  • Costo della visita guidata: € 15,00
  • Modalità di pagamento: in contanti, in loco

Cosa è incluso nel costo della vista guidata:

  • Conduzione guidata
  • Noleggio del sistema radioauricolare
  • Tessera e bollino abstrART, che permettono l’accumulo di bonus per ottenere una visita guidata gratuita a scelta

Cosa è escluso dal costo della visita guidata:

    • Biglietto di ingresso al museo: € 15,00 ridotto gruppi (totale visita guidata + biglietto di ingresso = € 30,00).  

Prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti disponibili.
Tutte le visite saranno condotte da storici dell’arte e architetti abilitati all’esercizio della professione di guida turistica.
Le visite saranno attivate solo ove si raggiunga un numero minimo di 8 partecipanti.
Date, orari e costi di ingresso delle visite, strettamente riservate ai nostri soci, potranno subire variazioni in ragione di eventi straordinari non dipendenti dall’associazione (modulo di iscrizione all’associazione).

Ci incontriamo qui

    Prenota questo evento a Firenze

    Nome e cognome
    Telefono
    Email
    Data evento
    Numero partecipanti
    Note (specificare la presenza di minori e indicare la loro età):

     

    ATTENZIONE!
    Per registrare la prenotazione è necessario spunatre la casella di accettazione del trattamento dei dati personali