Empoli 1424. Masolino e gli albori del Rinascimento

Una straordinaria mostra monografica per raccontare l’artista e il contesto culturale in cui si mosse

Empoli 1424. Masolino e gli albori del Rinascimento

In evidenza

Un’occasione unica per immergersi nel mondo di Masolino, quel pittore che, a lato di Masaccio e del Beato Angelico, contribuì, in maniera decisiva, all’avvio della pittura rinascimentale a Firenze e a Empoli nel Quattrocento.

  • Un percorso nella carriera dell’artista
  • Una mostra monografica con il maggior numero di opere mai presentato finora
  • Un viaggio tra Firenze e Empoli nei primi trent’anni del Quattrocento 
  • Opere provenienti dai più importanti musei italiani ed europei  
  • Il dialogo tra gotico internazionale e Rinascimento 

Maggiori informazioni

A 600 anni dalla realizzazione del Ciclo della Vera Croce per la chiesa di Santo Stefano, la mostra Empoli 1424. Masolino e gli albori del Rinascimento raccoglie il maggior numero di opere, mai presentato finora, di quell’artista che, a lato del Beato Angelico, di Lorenzo Monaco e di Masaccio, ha contribuito, in maniera decisiva, all’avvio della pittura rinascimentale nel primo Quattrocento. 

La rassegna, curata da Andrea De Marchi, Silvia De Luca e Francesco Suppa, si divide tra il Museo della Collegiata di Sant’Andrea e la chiesa di Santo Stefano degli Agostiniani ed ha come obiettivo quello di offrire una visione completa e approfondita del contesto culturale in cui Masolino si trovò a lavorare, presentando le opere di altri maestri che condividevano la sua inclinazione verso nuove soluzioni stilistiche. Tra questi troviamo nomi illustri come Lorenzo Monaco, Gherardo Starnina, Giovanni Toscani e molti altri.

Attraverso dunque l’elegante esposizione delle tavole, di affreschi e di alcune sinopie, ci si potrà immergere nell’arte e nella vita di Masolino, esplorando le sue opere più celebri e meno conosciute. La mostra mira non solo a mettere in luce l’eccezionale talento artistico di Masolino, ma anche a fornire una panoramica dettagliata delle influenze culturali e artistiche che hanno plasmato il suo lavoro. Grazie a prestiti eccezionali da musei e istituzioni di tutto il mondo, si avrà l’opportunità di ammirare da vicino capolavori che raramente sono esposti insieme, come la Madonna dell’Umiltà degli Uffizi a confronto con un San Francesco di collezione privata o come 

Date disponibili

  • sabato 25 maggio 2024, ore 15.00 ∷ In loco

Dettagli

Durata della visita: 2 ore e mezzo circa
Ritrovo: 15 minuti prima, davanti alla stazione di Empoli
Costo della visita guidata: € 15,00
Pagamento: in contanti, in loco

Cosa è incluso nel costo della vista guidata:

  • Conduzione guidata
  • Noleggio del sistema radioauricolare
  • Tessera e bollino abstrART, che permettono l’accumulo di bonus per ottenere una visita guidata gratuita a scelta

Cosa è escluso dal costo della visita guidata:

  • Biglietto di ingresso alla mostra: € 10,00 ridotto gruppi comprensivo di prenotazione (totale visita guidata + biglietto di ingresso = € 25,00).  

Prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti disponibili.
Tutte le visite saranno condotte da storici dell’arte e architetti abilitati all’esercizio della professione di guida turistica.
Le visite saranno attivate solo ove si raggiunga un numero minimo di 8 partecipanti.
Date, orari e costi di ingresso delle visite, strettamente riservate ai nostri soci, potranno subire variazioni in ragione di eventi straordinari non dipendenti dall’associazione (modulo di iscrizione all’associazione).

Ci incontriamo qui

    Prenota questo evento a Firenze

    Nome e cognome
    Telefono
    Email
    Data evento
    Numero partecipanti
    Note (specificare la presenza di minori e indicare la loro età):

     

    ATTENZIONE!
    Per registrare la prenotazione è necessario spunatre la casella di accettazione del trattamento dei dati personali