Le strade raccontano: i segreti di San Lorenzo

Una passeggiata per raccontare un rione tra i più noti e vivaci di Firenze

Le strade raccontano i segreti di San Lorenzo

In evidenza

Passeggiando tra le strade e i vicoli di San Lorenzo andremo alla scoperta di palazzi, chiese e monumenti meno noti. Da palazzo Benci al Canto delle Macine: un’immersione nella vita popolare della Firenze di un tempo.

  • La storia di Firenze 
  • Il rione di San Lorenzo con la basilica e le Cappelle Medicee
  • Chiesa di San Jacopo in Campo in Corbolini
  • Tabernacolo delle Fonticine di Girolamo Giovanni della Robbia
  • Il Mercato Centrale, in ghisa e vetro, di Giuseppe Mengoni

Maggiori informazioni

Quando pensiamo a San Lorenzo, immediatamente ci figuriamo la basilica brunelleschiana che, di fatto, è la vera signora di quel rione. In maniera analoga torna alla nostra memoria la famiglia Medici che quel “quartiere”, non lontano dal cuore religioso della città, scelse per vivere, commissionando a Michelozzo di Bartolomeo un palazzo che, da subito, divenne esempio della nuova architettura civica del Rinascimento.

Eppure San Lorenzo non è solo la Basilica, né solo i Medici. Anzi. Quando si passeggia nel rione, ci si accorge che i suoi tanti vicoli sono ricchi di storia e di storie, di monumenti talvolta dimenticati, di antichi palazzi nobiliari e di tante chiese che, pur piccole, raccontano la vita del passato e del presente.

Dando voce alle strade, il nostro percorso prenderà avvio in piazza Madonna degli Aldobrandini, proprio davanti all’odierno accesso alle ben note Cappelle Medicee. E anche se non si potrà fare a meno di raccontare la nascita di questo luogo, dove lavorò Michelangelo Buonarroti negli anni venti del Cinquecento, il nostro sguardo si poserà su palazzo Benci, la cui facciata graffita, realizzata da Bernardino Poccetti, fu vincitrice, secondo la tradizione, di un concorso che si tenne il giorno della festa di San Giovanni nel 1575. Racconteremo del gusto, diffusosi a Firenze sulla metà del XVI secolo, delle facciate dipinte e della moda di esporre in bella vista, al centro della facciata, un ritratto celebrativo della famiglia al potere, in questo caso il Busto di Francesco I dei Medici.

La passeggiata proseguirà alla volta di via Faenza, così denominata perché un tempo terminava con l’omonima porta delle mura duecentesche che chiudevano la città all’imbocco con l’odierna via Nazionale. Qui scopriremo la chiesa di San Jacopo in Campo in Corbolini che, fondata nel lontano 1206, appartenne prima ai Cavalieri Templari poi all’Ordine di Malta. Oggi, sconsacrata, viene usata per iniziative culturali di una vicina scuola internazionale.

Proseguiremo, attraverso via Nazionale dove avremo modo di parlare della terracotta invetriata con il Tabernacolo delle Fonticine, verso il Mercato Centrale, superba struttura di fine Ottocento, in ferro e in ghisa, realizzata da Giuseppe Mengoni, architetto già ben noto per aver dato alla luce la Galleria Vittorio Emanuele II di Milano. Una cronaca del tempo così raccontò l’inaugurazione di un luogo che ancor oggi rappresenta il cuore di San Lorenzo: “Il Mercato Centrale di Firenze non avrà per la sua comodità, e per la sua magnificenza, l’uguale in altra parte d’Italia”.

Passeggiando ancora per le vie e le viuzze del rione, scoprendo luoghi che ci racconteranno storie tra le più varie, andremo a scoprire superbi palazzi nobiliari, le famiglie che li abitarono e illustri loro ospiti. E, ancora guidati dalle strade, ci immergeremo nella Firenze di un tempo, nelle sue locande, nelle sue taverne e, perchè no, nelle sue più antiche spezierie.

Date disponibili

  • sabato 24 ottobre 2020, ore 15.00 ∷ In loco

Dettagli

  • Luogo di incontro: piazza Madonna degli Aldobrandini  (ingresso Cappelle Medicee) – Firenze
  • Durata della visita: 1 ora e mezzo circa
  • Target: adulti
  • Costo della visita guidata: € 12,00 incluso il sistema radio auricolare qualora previsto

Prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti disponibili.
Tutte le visite saranno condotte da storici dell’arte e architetti abilitati all’esercizio della professione di guida turistica.
Le visite saranno attivate solo ove si raggiunga un numero minimo di 10 partecipanti.
Date, orari e costi di ingresso delle visite, strettamente riservate ai nostri soci, potranno subire variazioni in ragione di eventi straordinari non dipendenti dall’associazione (modulo di iscrizione all’associazione).

Ci incontriamo qui

    Prenota questo evento a Firenze

    Nome e cognome

    Telefono

    Email

    Data evento

    Numero partecipanti

    Note (specificare la presenza di minori e indicare la loro età):