Le Cappelle Medicee

Un viaggio nella Firenze tra Cinque e Seicento: la Sagrestia Nuova di Michelangelo Buonarroti e la Cappella dei Principi

Michelangelo, Aurora

In evidenza

Una visita alle Cappelle Medicee per raccontare gli anni difficili della Firenze d’inizio Cinquecento. Dalla Sagrestia Nuova di Michelangelo alla superba Cappella dei Principi: un viaggio nel genio fiorentino.

  • La storia della città di Firenze nel primo Cinquecento 
  • La Sagrestia Nuova di Michelangelo Buonarroti 
  • Il ‘commesso fiorentino’ nella Cappella dei Principi 
  • Le tombe di alcuni personaggi della famiglia Medici 
  • La cripta e il tesoro dei Granduchi 

Maggiori informazioni

Museo statale dal 1869, le Cappelle Medicee sono legate indissolubilmente alla chiesa di San Lorenzo, quella basilica che fu antica cattedrale della città e che divenne, con le sue nuove sembianze brunelleschiane, luogo mediceo per eccellenza. Qui si tennero le più grandi celebrazioni che riguardarono la casata e qui vennero sepolti tutti i membri appartenenti alla famiglia. 

Proprio raccontando la storia dei Medici, entreremo nel primo ambiente, la Cripta, dove, dal XVIII secolo, si trovano le sepolture di molti granduchi con le loro consorti e i figli, da Cosimo I ed Eleonora di Toledo ad Anna Maria Luisa, altrimenti nota come Elettrice Palatina.

Presentando la figura di Ferdinando I, terzo granduca di Toscana, saliremo al secondo ambiente, la Cappella dei Principi, la cui costruzione ebbe inizio all’inizio del Seicento pur terminando soltanto con i Lorena due secoli più tardi. Vero e proprio trionfo del ‘commesso fiorentino’, l’interno rivela un’architettura possente, la cui massa muraria è articolata da arretramenti e profonde cavità che si alternano ai grandi elementi di sostegno angolari. La decorazione in pietre dure (porfidi, lapislazzuli, graniti, madreperle, quarzi) riveste completamente le superfici, dal pavimento fino alle cupole delle tribune. Anche la cupola avrebbe dovuto essere decorata con la tecnica del mosaico fiorentino, ma i lavori si interruppero, tanto che essa venne terminata ad affresco da Pietro Benvenuti soltanto all’inizio dell’Ottocento.

Il mausoleo ospita i cenotafi dei Granduchi: delle sei statue in bronzo dorato che avrebbero dovuto trovare collocazione nelle nicchie, ne furono eseguite soltanto due, quella di Cosimo II e di Ferdinando I, entrambe di mano di Pietro e Ferdinando Tacca. La forma dei sarcofagi visibili nella Cappella dei Principi rimanda evidentemente alle tombe michelangiolesche che andremo ad ammirare nella vicina Sagrestia Nuova, quel luogo straordinario, perfetto connubio di architettura e scultura, che venne realizzato dal Buonarroti a partire dal 1520, su incarico di papa Leone X e del cardinale Giulio dei Medici. 

L’occasione della commissione fu il grave lutto che aveva colpito l’anno precedente l’intera famiglia al potere: la prematura scomparsa dell’erede diretto di Lorenzo il Magnifico, il giovane Lorenzo duca d’Urbino, avvenuta peraltro appena tre anni dopo la morte dell’altro erede, Giuliano duca di Nemours. Il pontefice desiderava che un degno mausoleo, celebrando la memoria dei due giovani Capitani, sancisse anche visibilmente la presenza di una vera e propria dinastia medicea a Firenze, in anni in cui la suddetta stava vivendo vicende assai turbolente. Il nuovo mausoleo avrebbe anche ospitato le tombe di Lorenzo il Magnifico, morto nel 1492 e di suo fratello Giuliano, assassinato nella congiura dei Pazzi del 1478, rispettivamente padre e zio di Leone X. 

Inizialmente si era pensato di erigere un unico monumento dove avrebbero dovuto trovare riposo tutti e quattro i personaggi. Ma ben presto questo progetto venne abbandonato a favore di due grandi tombe a parete per ciascuno dei Capitani e di una per i due Magnifici, in realtà mai terminata. E questo perché nel 1534, alla morte di papa Clemente VII, il Buonarroti lasciò definitivamente Firenze stabilendosi a Roma e lasciando la parte scultorea della cappella incompiuta. Ma a dispetto della sua incompletezza, la Sagrestia Nuova saprà davvero stupirci!

Dettagli

  • Luogo di incontro: piazza Madonna degli Aldobrandini, 6 – Firenze
  • Durata della visita: 2 ore circa
  • Target: adulti
  • Costo della visita guidata: € 12,00 incluso il sistema radio auricolare qualora previsto. È escluso il biglietto di ingresso al museo € 9,00 intero (totale visita guidata + biglietto di ingresso = € 21,00)

Prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti disponibili.
Tutte le visite saranno condotte da storici dell’arte e architetti abilitati all’esercizio della professione di guida turistica.
Le visite saranno attivate solo ove si raggiunga un numero minimo di 10 partecipanti.
Date, orari e costi di ingresso delle visite, strettamente riservate ai nostri soci, potranno subire variazioni in ragione di eventi straordinari non dipendenti dall’associazione (modulo di iscrizione all’associazione).

Ci incontriamo qui

Evento non in programma

Se vuoi essere sempre aggiornato sugli eventi in programma iscriviti alla nostra newsletter oppure contattaci

    Prenota questo evento a Firenze

    Nome e cognome

    Telefono

    Email

    Data evento

    Numero partecipanti

    Note (specificare la presenza di minori e indicare la loro età):

     

    ATTENZIONE!
    Per registrare la prenotazione è necessario spunatre la casella di accettazione del trattamento dei dati personali