&nbps;
Sulle orme di Galileo: la scienza fa progressi
Domenica 18 marzo _ dalle ore 15,00 alle ore 16,30

La Firenze granducale agli esordi del Seicento raccontata attraverso il più grande scienziato di tutti i tempi

Dal Tribunale dell’Inquisizione alla Tribuna della Specola: un viaggio alla scoperta di Galileo Galilei

Sulle orme di Galileo: la scienza fa progressi – Dal luogo che ospitava il Tribunale e le prigioni dell’Inquisizione, la basilica di Santa Croce, alla Tribuna dell’odierno Museo della Specola: una passeggiata che, snodandosi nel cuore della città, racconterà, tra aneddoti e curiosità, la vita e il processo di un grande scienziato, Galileo Galilei.


Itinerario

Galileo Galilei raccontato attraverso gli episodi e le scoperte più salienti della sua vita, i suoi rivoluzionari studi, l’introduzione e lo sviluppo del metodo scientifico sperimentale e il suo straordinario rapporto con la famiglia Medici. La visita inizierà davanti alla basilica di Santa Croce, luogo legato per diversi motivi alla figura dello scienziato. Qui venne ospitata la sede fiorentina del Santo Uffizio, il tribunale ecclesiastico che dichiarò eretico e condannò al rogo il Dialogo sopra i due massimi sistemi, il trattato che si schierava apertamente a favore della teoria copernicana. Ma la basilica francescana fu anche al centro dell’incredibile vicenda delle due tombe realizzate per Galileo e del lungo braccio di ferro tra Papato e Granducato di Toscana, che si concluse solamente nel 1737 con Gian Gastone, l’ultimo sovrano di casa Medici. Il rocambolesco racconto ci aiuterà a svelare la lunga relazione, basata sulla stima e sull’ammirazione, che legò lo scienziato pisano al casato mediceo già a partire da Ferdinando I, che lo scelse come precettore di eccezione per il figlio Cosimo.

Ci avvieremo poi verso il piazzale degli Uffizi, dove la statua di Galileo apre la serie degli scienziati nel ciclo degli uomini illustri. Le nicchie del loggiato progettato da Vasari vennero adornate solamente nella prima metà dell’Ottocento, sotto il governo lorenese, quando si definì la sistemazione di 28 statue in marmo per celebrare i Toscani che avevano contribuito allo sviluppo della politica, dell’arte, della letteratura, della storia e delle scienze.

Il nostro percorso proseguirà poi verso la basilica di Santa Trinita dove, secondo alcune biografi, il giovane Galileo compì i suoi primi studi sotto la guida dei padri vallombrosani. Un probabile ritratto del grande scienziato, riconoscibile all’interno di una bella tela seicentesca qui conservata, sarà l’occasione per raccontare l’uomo Galileo, le sue passioni e le sue peculiarità, attraverso le appassionate parole del suo ultimo discepolo, Vincenzo Viviani.

La passeggiata guidata si concluderà alla Specola, con la visita alla Tribuna di Galileo, luogo per eccellenza della celebrazione del grande genio toscano. Costruita per volere del granduca Leopoldo II di Lorena, venne inaugurata nel 1841 in occasione del terzo Congresso degli Scienziati italiani. Gli affreschi, le statue e i bassorilievi celebrano e raccontano lo sviluppo della scienza sperimentale, incentrata sulla figura di Galileo e sulle sue incredibili scoperte ed invenzioni.

Luogo d’incontro: Piazza Santa Croce
Target: Adulti
Costo: € 10,00


Prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti disponibili.
Tutte le visite saranno condotte da storici dell’arte e architetti abilitati all’esercizio della professione di guida turistica.
Le visite saranno attivate solo ove si raggiunga un numero minimo di 10 partecipanti.
Date e orari delle visite, strettamente riservate ai nostri soci, potranno subire variazioni in ragione di eventi straordinari non dipendenti dall’associazione (modulo di iscrizione all’associazione).

PRENOTA ADESSO

Nome e Cognome
Telefono
e-mail
Numero partecipanti
Titolo Evento/Attività
Data dell'evento

Note (specificare la presenza di minori e indicare la loro età):

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi