&nbps;
Un salto nel tempo: Firenze sotterranea
Un salto nel tempo: Firenze sotterranea
Sabato 15 settembre _ dalle ore 16,00 alle ore 18,00

Alla scoperta della Firenze romana, tra scavi e antiche testimonianze

Una passeggiata tra piazze, vicoli e ambienti sotterranei della perduta colonia romana di Florentia

Un salto nel tempo: Firenze sotterranea – Un salto nel tempo: Firenze sotterranea – Una visita per raccontare la Firenze delle origini e ciò che resta della sua antica fondazione romana. Passeggiando tra piazze, piazzette e vicoli, andremo alla scoperta del centro politico, religioso e commerciale di una città sotterranea e ormai scomparsa, ma che saprà affascinarci con i suoi resti archeologici.


Itinerario

Facciamo un salto nel tempo e torniamo in quella Florentia romana fondata nel I secolo a.C. sulla riva destra dell’Arno.

L’impianto della colonia riproponeva il modello classico dell’urbanistica romana, sviluppandosi su un’area cinta da mura e orientata secondo i punti cardinali. La rete stradale interna, delimitata da insulae, isolati, era organizzata intorno agli assi principali: il cardo massimo, da nord verso sud, le attuali via Roma e via Calimala, e il decumano massimo, da est a ovest, oggi via del Corso e via Strozzi. Proprio all’incrocio delle due strade principali, in corrispondenza della Colonna dell’Abbondanza, ha inizio il nostro percorso, nel luogo dove si estendeva il Foro della città. Calandoci in questo tempo molto lontano, potremo immaginarci alle nostre spalle un leggero rilievo dove sorgeva il Campidoglio con il suo Tempio.

Da qui proseguiremo verso piazza Sant’Elisabetta, dove si erge la Torre della Pagliazza, edificio di forma semicircolare, apparentemente anomala rispetto alle altre torri del centro storico fiorentino. Sarà suggestivo poter scendere nei suoi sotterranei, dove potremo ammirare quello che rimane di un antico edificio termale, sicuramente un tempo di grande estensione, costituito da vari ambienti e da un’esedra riconoscibile come piscina.

Il nostro itinerario ci condurrà verso piazza della Signoria, zona della città che ancora oggi ci racconta di questo antichissimo passato. Visiteremo gli scavi del teatro romano nei sotterranei di Palazzo Vecchio, luogo suggestivo, datato al I secolo d.C., che ci restituirà la suggestione di quello che doveva essere un teatro di notevole capienza, in un periodo di grande sviluppo demografico della città.

Da qui torneremo nell’attuale piazza per dirigersi verso via del Proconsolo, dove sul lastricato stradale è riportata la sagoma di un torrione dell’antica cinta muraria.

A conclusione dell’itinerario ci sposteremo all’interno del quartiere di Santa Croce, tra piazza de’ Peruzzi, via de’ Bentaccordi e via Torta: questa è la zona dove sorgeva l’anfiteatro e dove è possibile determinare l’esatta ubicazione dell’edificio e seguirne l’andamento della pianta. Tante testimonianze a restituirci, in maniera sorprendente, una città ormai scomparsa.

Luogo d’incontro: Piazza della Repubblica (presso la Colonna dell’Abbondanza)
Target: Adulti
Costo: € 10,00 escluso il biglietto d’ingresso al teatro romano (€ 4,00)


Prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti disponibili.
Tutte le visite saranno condotte da storici dell’arte e architetti abilitati all’esercizio della professione di guida turistica.
Le visite saranno attivate solo ove si raggiunga un numero minimo di 10 partecipanti.
Date e orari delle visite, strettamente riservate ai nostri soci, potranno subire variazioni in ragione di eventi straordinari non dipendenti dall’associazione (modulo di iscrizione all’associazione).

PRENOTA ADESSO

Nome e Cognome
Telefono
e-mail
Numero partecipanti
Titolo Evento/Attività
Data dell'evento

Note (specificare la presenza di minori e indicare la loro età):

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi