&nbps;
Chiesa Santi Apostoli
Chiesa Santi Apostoli

Tra storia e leggenda: la chiesa dei Santi Apostoli

L’antica chiesa romanica che nel Quattrocento servì da modello a Filippo Brunelleschi


In evidenza

Stretta fra le case che la circondano, affaciata sulla piccola piazza del Limbo, la chiesa dei Santi Apostoli è una delle più antiche e suggestive di Firenze. Visitarla permette di conoscere o di riscoprire un luogo di straordinaria importanza per la soria della città, non soltanto perché le sue misurate forme architettoniche fecero da modello a Filippo Brunelleschi, ma anche perchè essa custidisce importanti opere d’arte, preziose testimonianze del passato, antiche leggende e curiosi aneddoti.

  • Una delle più antiche chiese fiorentine, gioiello dell’archiettura romanica
  • Un’importante reliquia: alcune schegge di pietra provenienti del Santo Sepolcro
  • L’Allegoria dell’immacolata concezione, prima opera realizzata a Firenze da Gorgio Vasari

Maggiori informazioni

Una lapide collocata sulla semplice facciata in pietra ne fa risalire la fondazione all’anno 805 per volontà di Carlo Magno e alla presenza dei suoi paladini e della sua corte, ma questa è solo una leggenda! La verità è che che l’edificio venne realizzato nell’XI secolo in stile romanico fiorentino, in una zona che allora era esterna alle murata cittadine, lungo il tracciato dell’antica via Cassia, corrispondente all’attuale borgo Santi Apostoli, che dalla chiesa prende il nome.

Ancorché piccola (è) di bellissima maniera; (…) i fusi delle colonne (…) hanno molta grazia, e sono condotti con bella misura i capitelli ancora, e gli archi girati per le volticciuole delle due piccole navate mostrano che in Toscana era rimasto, ovvero risorto qualche buon Artefice (…). Pippo di Ser Brunellesco non si sdegnò di servirsene per modello nel fare la Chiesa di S. Sapirito, e quella di S. Lorenzo (…). (È) opera di tanto buona maniera, che tira alla vera bontà antica, avendo (…) tutte le colonne di pezzi murate, e commesse con tanta diligentia, che si può molto imparare a considerarle in tutte le sue parti”. Così Giorgio Vasari, la descrive nelle sue Vite, mettendola in relazione con le chiese che Brunelleschi realizzò nel Rinascimento.

Varcando il bel portale in marmo bianco e nero, realizzato nel Cinquecento da Benedetto da Rovezzano, scopriremo un interno semplice ed essenziale, in cui le murature in pietra definiscono una pianta a tre navate di cui quella centrale è absidata. La poca luce naturale che entra dalle piccole finestre sarà appena sufficiente per permetterci di osservare la presenza di alcuni elementi marmo (memoria del mondo antico), e apparirà evidente come le cappelle laterali siano delle aggiunte successive alla costruzione della chiesa, realizzate tra il XV e il XVI secolo da alcune delle principali famiglie della zona.

Una volta entrati ci soffermeremo su alcune significative testimonianze di grandi artisti e di artefici della storia fiorentina, tra i quali non mancheremo di ricordare Bindo Altoviti, banchiere antimediceo, e suo figlio Antonio che fu arcivescovo di Firenze tra il 1548 e il 1573.

Tappa obbligata della visita sarà una reliquia conservatra entro una nicchia posta all’inizio della navata sinistra dove, all’interno di un braciere in argento e rame dorato, sono custodite alcune schegge di pietra provenienti dal Santo Sepolcro. Le pietre furono portate a Firenze da Pazzino di Pazzi di ritorno dalla prima crociata e ancora sono impiegate la mattina di Pasqua per accendere il “fuoco sacro” che poi viene portato in processione solenne a San Giovanni dove, incendiando la “colombina” danno inizio allo scoppio del carro.

Tra le opere d’arte presenti ci soffermeremo sul tabernacolo eucaristico realizzato in terracotta invetriata da Giovanni della Robbia e sull’Allegoria dell’Immacolata Concezione realizzata da Giorgio Vasari nel 1541. Restituita alla piena lettura da un recente restauro, la pala si caratterizza per una composizione estremamente articolata, ricca di personaggi dalle pose capricciose. Molto diversi ci appariranno una serie di dipinti realizzati a seguito della Controriforma e caratterizzati pertanto da chiarezza compositiva, da facile leggibilità e da compostezza dei personaggi, così come richiesto dal Concilio del Trento. Ne avremo un esempio nel San Michele che sconfigge il diavolo di Alessandro Fei o nelle opere di Tommaso Manzuoli, allievo di Andrea del Sarto, meglio noto come Maso da San Friano.

Una volta usciti, andremo a concludere la nostra visita nella piazzetta dei Del Bene dove vedremo curiosamente spunatre tra le case la parte posteriore della chiesa con l’abside semicircolare e l’adiacente campanile.


Date disponibili:

  • Sabato 25 gennaio 2020, ore 16.00 per lo svolgimento di una cerimonia liturgica straordinaria la visita è RIMANDATA a sabato 1 febbraio, ore 16.00

Dettagli:

  • Luogo d’incontro: Piazza Santi Apostoli
  • Durata della visita: 1 ora e mezzo circa
  • Target: Adulti
  • Costo: € 12,00 con ingresso libero

Prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti disponibili.
Tutte le visite saranno condotte da storici dell’arte e architetti abilitati all’esercizio della professione di guida turistica.
Le visite saranno attivate solo ove si raggiunga un numero minimo di 10 partecipanti.
Date, orari e costi di ingresso delle visite, strettamente riservate ai nostri soci, potranno subire variazioni in ragione di eventi straordinari non dipendenti dall’associazione (modulo di iscrizione all’associazione).

PRENOTA ADESSO

Nome e Cognome
Telefono
e-mail
Numero partecipanti
Titolo Evento/Attività
Data dell'evento

Note (specificare la presenza di minori e indicare la loro età):

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi